Parrocchia SS. Pietro e Paolo a Ponte a Bozzone
Strada della Scheggiolla, Loc. Ponte a Bozzone, Castelnuovo Berardenga, SI
Tel: 0577 357282, Fax: 0577 357282
Per informazioni scrivere a: massimonica@tin.it
Parroco: don Brunetto Sartini - email: brunesar@tin.it

Ultimo aggiornamento: 12/09/2019

Page 11
La Via Crucis, realizzata dal Prof. Vincenzo Petrizzelli, si presenta subito come un’opera intensa, forte e emozionale. Il segno continuo ed incisivo dell’artista, graffiante e nitido, fortemente espressivo e carico di umanità, si concretizza in una materia duttile e insieme tenace perché plasmato da mano sapiente.
Il contrasto cromatico fra il bianco dell’alabastro, simbolo di purezza ed umiltà, con il caldo colore della terracotta, richiama al meglio la forte ed umanissima drammaticità del percorso al Calvario.
Pieghe, gesti, movimenti e moti dell’animo si alternano con un ritmo incalzante in cui le sembianze umane, talvolta ridotte a larve spettrali, perché consunte dall’intenso dolore, restituiscono validamente la forza espressiva della sacra rappresentazione.
La terza dimensione, appena suggerita da pochi e scarni elementi prospettici, risalta soprattutto attraverso lo “stiacciato” volume delle figure, contribuendo a dar loro risalto e forza, facendole emergere con incontenibile energia dallo sfondo.
Il sentimento del dolore si viene così progressivamente esasperando attraverso una frequente deformazione che suggerisce la violenza dell’urlo disperato, raggiungendo il suo momento apicale nella scena finale della “Risurrezione” dove lirismo e dramma divengono un tutt’uno.
L’immagine del Cristo, così forte e fragile insieme, diafana e corrosiva, intensa e lacerata come tenue tela al vento, pare emergere e quasi “liberarsi”con immenso sforzo dal fondo materico, quasi come un catartico affrancamento da una materia che la opprime.
Eros e Thanatos si fondono così in un indistinto primigenio, dove un Dio fattosi uomo per diffondere Amore viene ripagato con la violenza e la Morte in un incalzante susseguirsi di quadri plastici, ciascuno dei quali rappresenta un momento intensamente vissuto, un istante di esistenza che non si dà come sbiadita memoria, ma come sensazione violenta e immediata che assurge all’eternità.

(Prof. Aldo Malcangi)