privacy-policy
cookie-policy

Diocesi di Tortona

Unità Pastorale di Torrazza Coste: S. Antonino Martire - S. Carlo Borromeo - S. Maria Immacolata e S. Giuseppe

Parrocchia S. Antonino Martire - Torrazza Coste - Ente Morale Religioso senza fini di lucro

Sommario - Parrocchia S. Antonino Martire in Torrazza Coste - Mappa del sito - Home

   DOCUMENTI: XII - XVI sec.

Cap. B01 - Storia della Parrocchia di S. Antonino - Pag. B01.10

Gli argomenti trattati sono stati inseriti da Ing. Arch. Michele Cuzzoni nel 2001 - © 2000-2022 - e sono desunti dalla documentazione indicata in Bibliografia a fondo pagina


La documentazione riguardante la "Storia della Parrocchia di S. Antonino Martire" è tratta dalla ricerca storica realizzata tra il 1998 e il 2000 da Michele Cuzzoni quale parte integrante della Relazione della propria Tesi di Laurea "Recupero del Complesso Parrocchiale di S. Antonino Martire in Comune di Torrazza Coste".

 

Prime notizie nel 1110

 

La Parrocchia di Sant'Antonino è documentata nell'Archivio della Curia di Tortona col nome di "chiesa di S. Antonino in Nebrono" (Nebbiolo). 

Il 28 agosto 1110 un diploma imperiale conferisce all'Abbazia di S. Pietro in Ciel d'Oro alcuni terreni appartenenti alla "Curia de Nebiolo" che era la parrocchia della Valle "que Schizzola dicitur".

Un documento del 1192 recentemente ritrovato nell'Archivio della Curia di Tortona documenta la cessione della Parrocchia di S. Antonino da Piacenza a Tortona. (fig. 1)

 

Fig. 1: Stralcio del documento del 1192

 

Pieve di Luta nel 1299



Alla fine del XIII secolo, (nel 1299) sotto l'episcopato di Pietro Bussetti, la Diocesi di Tortona è divisa in 32 distretti ecclesiastici per complessive 332 parrocchie.

Al 28° appartenevano: Lutae seu Caput villae (Codevilla), Mondondoni (Mondondone), Betlem (Cadé), S. Antonini (...)

 

 

Suddivisione delle Parrocchie nel 1523

 



Nel 1523 mons. De Zazii aggrega le diverse Parrocchie della Diocesi alle rispettive Pievi di zona. La Pieve di Codevilla ottiene Sant'Antonino insieme ad altre chiese, secondo il seguente schema:

Pieve di Luta o Codevilla:

S. Martino, arciprete Galeazzo Montemerlo, 4 Canonicati;
Chiesa di S. Maria ossia di S. Andrea di Retorbido;
Chiesa campestre di S. Fedele presso S. Antonino.
Chiesa di S. Antonino di Nebrono
Chiesa di S. Bartolomeo di Mondondone, 3 Cappellanie
Chiesa di S. Albano di Chiapparolo
Chiesa campestre di S. Maria di Botalino presso Torrazza Coste
Chiesa di S. Maria di Murisasco
Chiesa di S. Maria di Pontasso presso Mondondone
Chiesa di S. Agnese presso Codevilla.

 

Confini della Parrocchia: nel 1523 e nel 2000



Nella stessa epoca la Parrocchia comprendeva gran parte del territorio comunale di Torrazza, la Chiesa di Pontasso e di Cadé, le parrocchie attuali di Torrazza e Pragate e i castelli di S. Antonino e di Nebbiolo. Si veda la cartina di fig. 2 con i confini al 1523 in blu e gli attuali (nel 2000) in azzurro.

Fig. 2: Confini della Parrocchia nel 1576 e nel 2000

 

Osservazioni sul luogo di edificazione

 

Alcuni studiosi del secolo XIX, per mancanza di documenti più precisi, non hanno potuto stabilire ove si trovasse esattamente la prima chiesa parrocchiale di S. Antonino.

Tuttavia, alla luce di diversi documenti recentemente ritrovati presso la Biblioteca Centrale dell'Università  di Pavia (anni 1998 - 1999), si può affermare con certezza l'esistenza della Chiesa Parrocchiale di S. Antonino nel luogo di S. Antonino.

D'altra parte, la ricostruzione logica della vita del sacro tempio è possibile anche leggendo a ritroso gli Atti delle Visite Pastorali, dal 1603 fino al 1576, considerando il Documento del 1523 succitato, e la mappa di fig. 3.

 

Fig. 3: Posizione della Chiesa di S. Antonino e dell'Oratorio di S. Fedele (in viola) 

Nell'Atto di Visita Pastorale del 28 giugno 1603 si afferma che il parroco Padre Bartolomeo Cavisasco è titolare da 20 anni della chiesa di "S.to Antonino nel loco di S.to Antonino"; parimenti nel 1599, Padre Cavisasco è rettore della "Chiesa parrocchiale di S.to Antonino"; nel 1595 non si nomina alcun luogo, ma il parroco è sempre Cavisasco. 

Nel 1590 si dice "Nebiolo e Santo Antonino chiesa parrocchiale di Santo Antonino da Nebiolo si acomodi il Batisterio [...] si fabrica la chiesa la ove è ruinata [...] si faccia il vestibolo come portico sopra la chiesa".

La chiesa, è quindi edificata nella posizione attuale ed è identificata dal nome della località  che in quel'epoca è il capoluogo del territorio, cioè Nebbiolo. 

Certamente non può trattarsi dell'Oratorio di San Fedele poiché sarebbe stato certamente nominato per esteso quando nella stessa Visita si parla della Chiesa sussidiaria di S. Maria di Pontasso.

Un'ulteriore spia del fatto che la chiesa parrocchiale fosse edificata nella posizione attuale è il fatto che si parla di accomodamenti dello stesso tipo al Fonte Battesimale, fino alla fine del 1600.

Un ultimo elemento interessante è la datazione attribuita a un piccolo Crocifisso esistente in Parrocchia: di scuola locale quattrocentesca, risulta dai documenti accomodato dopo il 1576.


Per quanto riguarda l'Oratorio di San Fedele si può osservare che:
Nel 1595 11 il Vescovo Gambara nomina la Chiesa Parrocchiale di "Santo Antonino et Fedele" mentre nel 1523 esisteva una Chiesa campestre autonoma dedicata a San Fedele presso Sant'Antonino.

Dunque nel 1595 San Fedele è "contitolare" della Parrocchia, segno evidente che l'Oratorio doveva essere scomparso (o comunque, non più officiato). Ciò è plausibile pensando alla povertà  della popolazione di quei tempi, che, se non era in grado di mantenere agibile la Parrocchia principale, non poteva certo provvedere alle necessità  di un piccolo Oratorio di campagna.


 


Sommario - Parrocchia S. Antonino Martire in Torrazza Coste - Mappa del sito - Home

Bibliografia

Testo di Ing. Arch. Michele Cuzzoni.
A.A. 1999 - 2000. Tesi di Laurea "Recupero del Complesso Parrocchiale di S. Antonino Martire in Comune di Torrazza Coste - Relatore Prof. A. Bugatti - Correlatore esterno Arciprete Don Giuliano Sturla, parroco della Chiesa Parrocchiale di S. Antonino Martire a Torrazza Coste


 

posta del webmaster