orari del sacramento della Riconciliazione o confessioni - Parrocchia di San Marco Evangelista

Vai ai contenuti


ORARIO di RICONCILIAZIONE

CON IL PADRE CELESTE:





***************


"Su, venite e discutiamo"
dice il Signore.
"Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto,
diventeranno bianchi come neve.
Se fossero rossi come porpora,
diventeranno come lana."



(Dal libro del Profeta Isaia 1, 18)









Papa Francesco sorridente

Dalle parole di Papa Francesco (Angelus 17 marzo 2013):

Dio mai si stanca di perdonarci, mai!

Il problema è che noi ci stanchiamo, noi non vogliamo, ci stanchiamo di chiedere perdono.

Lui mai si stanca di perdonare, ma noi, a volte, ci stanchiamo di chiedere perdono.

Lui è il Padre amoroso che sempre perdona, che ha quel
Cuore di Misericordia per tutti noi.

E anche noi impariamo ad essere misericordiosi con tutti.

Invochiamo l’intercessione della
Madonna che ha avuto tra le sue braccia la Misericordia di Dio fatta uomo.

Per quanto riguarda il peccato di aborto, scrive papa Francesco nella Lettera Apostolica "Misericordia et Misera":

«In forza di questa esigenza, perché nessun ostacolo si interponga tra la richiesta di riconciliazione e il perdono di Dio, concedo d’ora innanzi a tutti i sacerdoti, in forza del loro ministero, la facoltà di assolvere quanti hanno procurato peccato di aborto. Quanto avevo concesso limitatamente al periodo giubilare viene ora esteso nel tempo, nonostante qualsiasi cosa in contrario. Vorrei ribadire con tutte le mie forze che l’aborto è un grave peccato, perché pone fine a una vita innocente. Con altrettanta forza, tuttavia, posso e devo affermare che non esiste alcun peccato che la misericordia di Dio non possa raggiungere e distruggere quando trova un cuore pentito che chiede di riconciliarsi con il Padre. Ogni sacerdote, pertanto, si faccia guida, sostegno e conforto nell’accompagnare i penitenti in questo cammino di speciale riconciliazione» (n. 12).

Dice Gesù a santa suor Faustina Kowalska:

"La mia misericordia è più grande delle tue miserie e di quelle del mondo intero.
Chi ha misurato la mia bontà? Per te sono disceso dal cielo in terra, per te mi sono lasciato mettere in croce, per te ho permesso che venisse aperto con la lancia il mio
Sacratissimo Cuore ed ho aperto per te una sorgente di misericordia. Vieni ed attingi le grazie da questa sorgente con il recipiente della fiducia. Non respingerò mai un cuore che si umilia; la tua miseria verrà sprofondata nell'abisso della mia misericordia...".

(Da "E' l'ora della Divina Misericordia" - testi di don Renato Tissot, presentazione di mons. Luigi Bressan - Editrice Shalom 2006 pag. 26-28)

Torna ai contenuti