Il Beato Giustino Russolillo - Chiesa di Santa Felicita e Figli Martiri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Beato Giustino Russolillo

Parrocchia
 

La vita


Il venerabile Giustino Maria Russolillo, nacque a Pianura, oggi quartiere occidentale di Napoli, ma in quel tempo Comune autonomo, il 18 gennaio 1891, il padre Luigi era muratore, la madre Giuseppina Simpatia casalinga.
Da ragazzo studio' con le zie paterne, poi entro' nel Seminario di Pozzuoli per gli studi liceali, proseguendoli poi con quelli teologici nel Pontificio Seminario Campano di Napoli (1911-1913).
Ancora seminarista comincio' a pensare alla realizzazione di un Istituto religioso a carattere vocazionale, per il quale comincio' a stendere anche le Costituzioni. Ordinato sacerdote il 20 settembre 1913, prese a dedicarsi con generosita' all' apostolato, specie all' insegnamento del catechismo ai fanciulli di Pianura.
Pieno di fervore sacerdotale, tento' anche un esperimento di vita comune con alcuni giovani del paese, che piu' chiaramente erano orientati alla vita sacerdotale; ma l ' iniziativa non venne accettata dal vescovo di Pozzuoli nella cui diocesi si trovava e si trova tuttora Pianura, il quale la proibi'.
Dopo aver partecipato nei reparti sanitari, alla Prima Guerra Mondiale, ritornato a Pianura, vide lentamente realizzarsi i suoi progetti.
Il 1 febbraio 1919 veniva riconosciuta la Pia Unione delle Divine Vocazioni, che accoglieva le fanciulle del paese, che aspiravano alla vita religiosa, con la guida di Rachela Marrone, sua collaboratrice. Ad esse spetto' il compito dell ' istruzione religiosa dei fanciulli; di animare l' apostolato missionario e di collaborare alla nascente e parallela Opera maschile.
Il 18 ottobre 1920 il vescovo di Pozzuoli, mons. Ragosta diede il consenso di riprendere la vita in comune dei giovani, questa volta nella casa canonica della parrocchia di S. Giorgio, dove don Giustino Maria Russolillo, era stato nominato parroco da pochi mesi.
Cosi' nasceva la Societa' delle Divine Vocazioni, che ebbe un rapido sviluppo nei due rami dell ' Opera, il vescovo mons. Petrone firmo' il decreto di erezione canonica diocesana, il 26 maggio 1927. Nonostante gli ulteriori progressi e la apertura di nuove Case anche oltre Oceano, i due rami dei Vocazionisti (come saranno chiamati i padri e le suore) dovettero affrontare numerose e serie difficolta', prima di ottenere l ' approvazione pontificia.
L ' Opera dovette subire due severe visite canoniche, una nel 1941 dal padre Raffele Baldini dei Servi di Maria e l ' altra nel 1945 dal padre Serafino Cuomo francescano. Ma poi la luce pote' risplendere liberamente e il 3 gennaio 1948, il sospirato riconoscimento pontificio, finalmente giunse.
Don Giustino guido' le sue Congregazioni infondendo nei suoi figli e figlie, una spiritualita' ed un carisma che ruotano intorno al suo motto: ''Fatti santo''; ad un giovane diceva: ''Fatti santo davvero, che tutto il resto e' zero''.
In tempi in cui la santita' era ancora un traguardo riservato solo ad alcune categorie di persone, agli aristocratici dello spirito, agli addetti ai lavori, come si suol dire, don Giustino seppe cogliere i segni dei tempi, si fece promotore e sostenitore convinto, del movimento della santificazione universale, che allora nasceva in Europa.
Dall ' Associazione da lui fondata e' nato poi l ' Istituto secolare delle ''Apostole Vocazioniste della Santificazione Universale'' che secondo il carisma del fondatore, ha come scopo principale la santificazione dei suoi membri e di tutto il popolo di Dio; esse come Vocazioniste collaborano con i padri e le suore nella pastorale vocazionale, estendendo da consacrate laiche, la loro opera nel sociale, facendosi compagne di viaggio degli anziani, delle persone sole ed abbandonate, dei sofferenti.
Padre Giustino Maria Russolillo oltre a guidare le sue Famiglie religiose, porto' avanti con zelo, il compito di parroco della chiesa di S. Giorgio martire per oltre 30 anni, parrocchia che e' considerata la culla dell ' Opera Vocazionista.
Mori' a Pianura il 2 agosto 1955 e il 14 aprile 1956 le sue spoglie furono solennemente tumulate nella Casa-madre dei Vocazionisti di Pianura.
Il 18 gennaio 1980 fu aperto a Napoli il processo per la sua beatificazione; la Congregazione delle Cause dei Santi, ha riconosciuto le sue virtu', dandogli il titolo di venerabile, il 18 dicembre 1997.

 
 

Culto

Il suo processo di beatificazione iniziò il 18 gennaio 1980, ed è stato dichiarato venerabile da papa Giovanni Paolo II il 18 dicembre 1997 e beato il 7 maggio 2011 da papa Benedetto XVI.
Recentemente è stata eretta una statua in suo onore all'ingresso del quartiere di Pianura, presso la rotonda che porta il suo nome. Ne è presente una anche a Roma nel quartiere Fidene, al centro della piazza che prende il suo nome. Annualmente, il 2 agosto, viene celebrata una festa in onore della sua nascita al cielo, nella Chiesa del Vocazionario.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu