Passa il mouse sull'immagine e vedrai l'Oratorio parrocchiale.
 
Storia della Parrocchia
La Parrocchia dell'Immacolata è nata il 31 luglio 1961. Dopo un avvio difficile (problemi economici, vincoli urbanistici per l'edificazione, parroco non residente ecc.), iniziarono i lavori per il Centro parrocchiale. Intanto la Comunità si ritrovava per l'Eucaristia domenicale presso la palestra della scuola comunale "G. Lombardo Radice"... Il 4 settembre 1982 fu inaugurato il Centro Parrocchiale. C'erano solo la sala-chiesa, l'abitazione del parroco e tre prefabbricati per le altre attività. Da questo momento la vita parrocchiale cominciò ad articolarsi più visibilmente nei suoi vari momenti; il gruppo di frequentanti andò consolidandosi, alla vita liturgica vennero affiancandosi momenti di incontro culturale e ricreativo. Il Parroco, don Narciso Truccolo, nel 1993 fu chiamato ad altri incarichi, e giunse don Giuseppe Liut, il quale diede avvio alla costituzione del Consiglio Pastorale, nominato nella primavera del 1994. Chiusi i debiti per la costruzione del Centro parrocchiale, la Parrocchia affrontò le opere per la realizzazione dell'oratorio. Grazie alla generosità dei parrocchiani e ai contributi della Regione Friuli-Venezia Giulia, la struttura fu approntata alla fine del 1999. Nel 2005 don Giuseppe Liut, chiamato ad altro incarico, lasciò la guida della parrocchia a don Corrado Carolo che ne è stato parroco fino al 2008.
Mons. Aldo Moras, Parroco In Solidum Moderatore
Don Giorgio Florean, Parroco In Solidum Residente
Passa il mouse sull'immagine e vedrai l'interno della Chiesa parrocchiale (foto scattate durante il periodo natalizio).
Passa il mouse sull'immagine e vedrai i particolari della Madonna e del Tabernacolo di Moretti
 
Le opere di Mario Moretti in chiesa
 
Note biografiche dell'artista
Mario Moretti, nato a Reggio Emilia nel 1917, studiò all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Bruno Saetti. Partito per la guerra, fu catturato dai tedeschi dopo l’8 settembre a Ragusa (Dubrovnik) e venne internato prima nel lager di Beniaminowo, in Polonia, e poi in quelli di Bremervörde e Wietzendorf in Germania. A partire dal dopoguerra all’attività di artista, che lo vide protagonista di numerose mostre personali e collettive tra cui diverse Biennali a Venezia e Quadriennali a Roma, affiancò a lungo quella di insegnante. Affermatosi come pittore, scultore (in terracotta, bronzo e ceramica) e creatore di oggetti d’oreficeria, Moretti fu un artista legato nell’intera sua opera alla forma, alla costruzione, all’equilibrio tra le parti. Si è spento a Pordenone, città in cui trascorse gran parte della vita, nell’agosto 2008 all’età di 91 anni.
   
Il Crocifisso del '700, dono della Chiesa della parrocchia San Giorgio.
Passa il mouse sull'immagine e vedrai il particolare del Cristo.

 

©Parrocchia Immacolata PN