Parrocchia San Giovanni Evangelista - Modena

Scout - Masci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parrocchia

San Giovanni Ev.

Via Diena, 120 Modena

 

Tel./Fax: ++39.059450196

E-mail: sge.mo@tin.it

©2011 by Bruno Chiarabaglio

SCOUT E PROTEZIONE CIVILE

 

La nostra associazione scout (AGESCI), insieme ad altre, fa parte della Protezione Civile e in questo momento di grande emergenza siamo stati chiamati al servizio di chi è più in difficoltà.

Dopo un primo momento di preparazione impiegato dai nostri responsabili a livello regionale e locale per ricevere tutti i permessi necessari per operare in massima sicurezza questo servizio, ma anche e soprattutto per entrare in una rete di aiuti già esistente e coordinata dalla Protezione Civile Nazionale in modo da operare tutti insieme in questo complicato momento, a partire dalla seconda metà del mese di marzo un numero sempre più grande di volontari scout si sta adoperando in tutta la regione Emilia Romagna per aiutare chi necessita di aiuto e collaborare con le altre associazioni di volontari che da subito di sono attivate, in modo da suddividere e meglio gestire questa importante responsabilità.

I servizi degli scout sono svolti in stretto collegamento con le amministrazioni locali o con altri soggetti come ad esempio Caritas, Croce Rossa, Croce Blu. Principalmente il nostro servizio nel comune di Modena consiste in consegne a domicilio di spesa alimentare, prodotti di prima necessità e farmaci. Ma altri scout nel nostro territorio sono impegnati anche in servizi come la consegna di libri scolastici a domicilio, distribuzione DPI (Dispositivi di protezione individuale), confezionamento e distribuzione di pacchi viveri e di contatto telefonico per anziani fragili. In attesa di tornare alla normalità e di tornare a riabbracciarci, noi, anche a distanza l’uno dall’altro, cerchiamo di essere d’aiuto dove è possibile facendo del nostro meglio per compiere il nostro dovere verso il nostro Paese, come ci insegna la promessa scout.

THINKING DAY 2020

 

Domenica 23 Febbraio il Gruppo Scout Modena 4 al completo si è riunito in Parrocchia per il Thinking Day, la “giornata del pensiero” in ricordo dei fondatori del movimento scout Sir Robert Baden Powell e sua moglie Lady Olave.

I temi di quest’anno, come da consuetudine suggeriti dal WAGGS, l’associazione mondiale scout femminile, sono stati diversità, equità ed inclusione.

Dopo aver celebrato ed animato la S. Messa, Baden Powell e Lady Olave in persona, o quasi, hanno dato il via ad un grande gioco volto a costruire una grande “Torre di Babele” per riunire idealmente tutte le varie professioni di fede cristiana sparse per l’Europa sotto il segno dello scoutismo.

Velocità, fantasia e competenze manuali hanno fatto da padroni, coinvolgendo tutti, dal più piccolo lupetto del Branco al più maturo ragazzo del Clan! Dopo le fatiche ed il divertimento della mattina, ci siamo riuniti nel salone per il tradizionale pranzo cucinato dai membri della Pattuglia Genitori, ogni anno sempre più ampio! Le specialità proposte abbracciavano la tradizione culinaria inglese, tedesca e russa, con tanto di arredi e vestiti tradizionali. E’ stata una giornata piena di sorrisi e di spirito di comunità, ma purtroppo anche ultimo incontro prima della chiusura di tutte le attività a causa del dilagare della pandemia.

CAMPI INVERNALI E PROGETTI SALTATI E FUTURI

 

Prima di questo sfortunato stop alle attività, per lo meno di persona, si sono svolti i campi invernali per ogni branca del nostro gruppo scout.

Il Branco Fiore Rosso  è stato in caccia a Toano (RE) dove i più piccoli hanno potuto recitare la promessa mentre i più grandi hanno avuto occasione di essere protagonisti organizzando e progettando un bellissimo gioco di strategia; il Reparto ha svolto il campo invernale presso la casa Santa Maria Goretti dell’A. C. a Trasasso di Monzuno (BO), l’uscita è stata l’occasione per le missioni di squadriglia, l’ideazione dell’impresa di Reparto, il percorso di spiritualità dedicata al tema della diversità, ma è stata anche l’occasione per i più piccoli per la “veglia d’armi” ossia un importante momento in vista della Promessa scout.

l Clan e il Noviziato hanno vissuto una esperienza di strada, prima separati e poi insieme, nella zona di Serramazzoni che ha offerto alla comunità la possibilità di firmare la nuova Carta di Clan e salutare alcuni membri del clan che hanno concluso il loro percorso.

Purtroppo l’emergenza sanitaria e lo stop alle attività ha costretto il gruppo scout a cancellare alcune attività che progettava da tempo, per esempio una cena con delitto di autofinanziamento per il Reparto e tutti i campi di Pasqua che si sarebbero svolti nei giorni immediatamente precedenti alla festività.

Stiamo però organizzando con molta cura il nostro futuro: a breve i alcuni membri della comunità capi inizieranno in accordo con la Pattuglia Protezione Civile e la parrocchia alcune attività di servizio per chi si trova in condizioni di forte disagio, ma si stanno delineando anche i campi estivi: Il Clan e il Noviziato vivranno la loro Route sulla strade delle 52 gallerie e sul Monte Pasubio (VI), il Branco farà le VdB presso Castel del Rio (BO) e il Reparto il campo estivo a Modigliana (FC).

LE ATTIVITÀ SCOUT NON SI FERMANO NEANCHE IN ISOLAMENTO

 

Il blocco delle attività a livello nazionale ha coinvolto necessariamente e giustamente anche le nostre attività scout proprio dopo aver festeggiato il Thinking Day, la giornata che ricorda i fondatori del movimento scout e che unisce nei festeggiamenti tutti gli scout del mondo: è sicuramente amaro pensare come dopo un momento di così importante unione a livello mondiale sia seguito un momento di totale isolamento personale. Ci sono servite un paio di settimane come Comunità Capi per capire bene la situazione, per darci delle regole, per calmare le iniziali forti preoccupazioni e per capire in che modo proseguire la nostra missione scout in un momento in cui gli incontri tra persone non sono possibili. In questo senso due sono state le cose che ci hanno permesso di ripartire con le nostre attività: da un lato gli strumenti tecnologici che ci permettono di vederci in faccia e parlarci pur stando ognuno a casa propria, e dall’altro il motivato impegno dei singoli Capi e delle singole staff che con un grande sforzo di immaginazione e organizzazione hanno saputo adattare a strumenti nuovi e a esigenze nuove il proprio ruolo di educatori, nella ferma consapevolezza che la missione educativa che abbiamo scelto di perseguire non conosce arresti ed è capace di superare ogni distanza e ostacolo. Il Clan e il Noviziato hanno ripreso le loro riunioni in videoconferenza: il Clan sta proseguendo un percorso di fede iniziato ad ottobre che mette al centro il messaggio di Gesù di amore, servizio, perdono e riconciliazione e si sta dedicando alla prima fase del Capitolo dedicato alla violenza, in particolare a quella sulle donne; il Noviziato sta invece proseguendo un percorso che attraverso l’esempio di varie figure della cristianità lo sta portando a scoprire il valore del servizio e a farlo suo in questo complicato momento anche nelle situazioni quotidiane. Il Branco Fiore Rosso ha redatto un giornalino che con cadenza bisettimanale cerca di mantenere i contatti tra i lupetti proponendo numerose attività di gioco e manuali, purtroppo la quarantena ha costretto i lupi ha cercare nuove prede da cacciare nelle proprie tane.

Il Reparto San Giorgio, infine, è stato colto da questa emergenza in uno dei momenti più importanti dell’anno: ad una settimana dalla cena con delitto di autofinanziamento. Hanno però fatto in modo di cercare nuove modalità per fare Scoutismo: per un contatto diretto con i ragazzi è stato creato un gruppo Whatsapp ed un canale Instagram, dimensione social tramite cui molti di loro sono abituati ad esprimersi, grazie ai quali tutti i lunedì vengono proposte delle attività utili a mettere in campo diverse competenze: gara di costruzioni di modellini, gara di cucina, creazione del logo di Reparto, visione di un film su cui riflettere di squadriglia. La riflessione è stimolata anche dall’invito a esprimere sensazioni e pensieri in merito al momento che stiamo vivendo, associandoli ad una foto rappresentativa (#DILLOCONUNAFOTO), e a condividere riflessioni e parole significative del Vangelo della domenica, che viene accompagnato da una canzone, in modo che possa aiutare a vedere la vita di Gesù più intrecciata alle loro.

dalla COMUNITA’ MASCI (ADULTI SCOUT)

 

Mentre STILESCOUT  sta continuando tuttora  la sua intensa fase di avvio con l’attivazione della mail amministrazione@stilescou.it, della pagina Fb: https://www.facebook.com/stilescoutmodena/ e del sito: www.stilescout.it, gli altri  PROGETTI di Comunità SOS donna, Risparmiare si Può, servizio a Scout Coop  sono stati seguiti e sviluppati con continuità fino tutto il mese di febbraio, poi forzatamente sospesi dall’inizio di marzo a causa delle restrizioni imposte  per l’epidemia del coronavirus.

Poiché anche gli incontri di Comunità hanno dovuto adeguarsi a tali esigenze, abbiamo cercato di mantenere attivi i nostri contatti di gruppo, (utilizzando le videoconferenze, chat e mail di gruppo)  e personali (telefonate, sms, mail).

 

Dei mesi precedenti ricordiamo le iniziative cui abbiamo aderito e promosso, a cominciare dalla LUCE della PACE da Betlemme, la cui diffusione, nel dicembre scorso, è stata accompagnata dallo slogan: CERCA LA PACE E PERSEGUILA. Convinti  che ciascuno di noi – con le sue peculiarità, caratteristiche e talenti - deve essere PORTATORE DI PACE, che non si può dire << non ne sono capace>> , anche quest’anno la nostra Comunità ha partecipato a questa iniziativa affiancandosi alle associazioni giovanili, soprattutto scout, che in Italia ne promuovono la diffusione dal 1986. Quindi di buon ora, sabato 21 dicembre , eravamo alla stazione centrale FS di Bologna ad accogliere questo importante segno di pace e di fraternità.

La successiva condivisione di questo segno di pace con la comunità parrocchiale ( nella S. Messa delle 18:30 )  insieme alla quale abbiamo pregato perché il dono della pace, prezioso ed unico per tutta l’umanità, sia da tutti vissuto e custodito in profondità, è stato uno dei momenti forti con cui la nostra Comunità ha celebrato il S. Natale. Anche quest’anno, poi, abbiamo aderito all’iniziativa  “buono fuori e buono dentro un panettone in ogni cella per Natale”, con l’acquisto di una ventina di panettoni che, insieme al messaggio di pace, sono stati donati all’associazione Gruppo Carcere-Città, promotrice dell’iniziativa.

 

Anche gennaio è stato un mese ricco di avvenimenti importanti ed intensi. Ad inizio mese la preparazione e la partecipazione al Consiglio Regionale MASCI, che ha riunito a Modena diverse decine di Adulti Scout provenienti da tutta la Regione, poi la “presentazione” ufficiale della Comunità al nuovo parroco ed infine l’incontro con la Comunità Capi del Gruppo AGESCI Mo4. Considerato che nella nostra CARTA si dichiara esplicitamente che la nostra  Comunità intende “costituire punto di riferimento agli adulti che con la “partenza” giungono al termine del loro percorso scout “giovanile” e per quanti condividono gli ideali dello scoutismo e del guidismo”, questo appuntamento con il gruppo scout è stato preparato con cura ed attenzione particolare, perché l’obiettivo possa essere concretamente raggiunto.

 

Con l’augurio che il Signore ci conceda il dono di rivederci presto riuniti insieme, ma comunque  sentendoci uniti a tutti voi in spirituale comunione fraterna, vi auguriamo BUONA STRADA e naturalmente …. Buona  PASQUA.

Ricordiamo a chi volesse contattarci la nostra mail: modena2@masci.it.