Chiesa Parrocchiale dei

 

SS. Eusebio e Maccabei

La storia | I primi Parroci | L'Arte (caricamento un po' lento)

Ritorno alla Home Page

NOS PIISIMAM PETITIONEM CONSIDERANTES

DIE VI JULII HUIUS ANNI

AUCTORITATE NOSTRA ORDINARIA

PETITAM AGGREGATIONEM RECEPIMUS

ITA UT OMNES CRISTIFIDELES RITE

DISPOSITI INDULGENTIIS,

PRIVILEGIIS ET GRATIIS SPIRITUALIBUS

FRUI ET GAUDERE POSSINT ET VALEANT

AC SI AD VATICANAM NOSTRAM BASILICAM

PERSONALITER ACCEDERENT.

Datum Romae VI Julii Anno D.ni MCMLVIII

Pont. S.M. Domini Nostri - Anno Vicesimo Pii XII

" L'avvenimento pi importante dell'anno 1958 l'aggregazione della Chiesa Parrocchiale alla Basilica Patriarcale Vaticana di S. Pietro a Roma per intercessione di Mons. Venini su richiesta del Parroco Don Ambrogio Legnani. Tale aggregazione, concessa da Pio XII, comporta la concessione di tutte le Indulgenze e le grazie spirituali dai Sommi Pontefici concessi alla Basilica Vaticana. A norma del Decreto, su lunetta del portale centrale della facciata riprodotto in mosaico lo stemma della basilica Vaticana, mentre con apposita lapide, a destra del portale, sono indicate ai fedeli le indulgenze concesse a chi visita la Chiesa. La lapide marmorea nell'esterno, a sinistra del portale centrale della chiesa, riporta il decreto di aggregazione " su riproposto.

Queste pagine sono state tratte dalla pubblicazione "Chiesa parrocchiale" edizione Eusebianum 8 giugno 1980, di GAIANI - CAPODICI, inoltre da alcuni numeri del periodico "Dialogo tra noi".